DA VEDERE

COVID-19

Chiesa parrocchiale di San Giacomo a San Giacomo

La semplice costruzione fu eretta negli anni 1821 – 1824 sotto la direzione del curato Jakob Prantl che costruì in tutto il Tirolo complessivamente 13 chiese. Gli affreschi di Josef Renzler mostrano l'adorazione del Santissimo Sacramento e la decapitazione di San Giacomo.

Orari d'apertura
ganztägig geöffnet

Chiesa della Madonna Addolorata a San Giacomo

La costruzione in stile gotico citata per la prima volta nel 1577, nel 1789 venne munita di volta a botte decorata con affreschi in stile grossolano. In seguito ai danni causati nel 1817 da una valanga, la chiesa è stata ampliata dell'attuale coro.

Orari d'apertura
ganztägig geöffnet

Ospizio cittadino e Chiesa di S. Spirito a Vipiteno

L'ospedale e la chiesa di S. Spirito delimitano a nord la Piazza Città di Vipiteno. Il complesso architettonico fu edificato per volontà dei cittadini nel 1399. La posizione centrale testimonia l'importanza che i cittadini devono a questa struttura. Ammalati, poveri, pellegrini e viaggiatori vi trovavano ospitalità e cura. L'interno della chiesa fu affrescato nel 1402. Gli affreschi sono opera del maestro Giovanni di Brunico, principale rappresentante del 15° secolo a Bressanone e in Val Pusteria. Glia affreschi costruiscono il lavoro più significativo dell'opera giovanile dell'artista e quello più impegnativo di tutta la sua produzione.

Orari d'apertura
Giornaliero dalle ore 8.30 alle ore 12 e dalle ore 14.30 alle ore 18, tranne il sabato pomeriggio e nei giorni festivi.

Chiesa parrocchiale di Santa Croce a Prati

La prima notizia scritta della chiesa parrocchiale di Santa Croce a Prati risale al 1337, si tramanda che nel 1434 questa fu riconsacrata. L'attuale costruzione in blocchi di granito fu eretta con la supervisione del costruttore Adam Schaiter di Vipiteno combinando elementi tardo-gotici e rinascimentali. Nel 19° secolo la chiesa fu tuttavia liberata degli elementi gotici. Particolare attenzione meritano gli affreschi della volta di Josef Renzler risalenti al 1841, essi rappresentano l'adorazione della croce da parte dell'Imperatore Eraclio e Santa Cecilia. Gli altari sono del 16° secolo, ma sono stati ricostruiti nel 1824. Anche le pale dell'altare sono state realizzate da Josef Renzler nel 1827. Molto significativo è anche il crocefisso gotico della prima metà del 13° secolo.

Santuario di Maria Trens

Ledificio sacro, in stile tardo gotico, risale allanno 1498. Dopo il santuario di Pietralba, anchesso dedicato alla Madonna, quello di Maria Trens è sicuramente uno fra i maggiori luoghi di culto e mete di pellegrinaggio di tutto lAlto Adige. La raffigurazione della Pietà (una statua lignea della Madonna in piedi con il Bambino) risale allanno 1470. Un ulteriore motivo dinteresse storico artistico è costituito dai numerosi ex-voto e da un dipinto che raffigura il trasferimento della Pietà lignea dalla vecchia chiesa alla nuova cappella.
Richiedere o prenotare online